Connect with us

Controllo

Come sono riusciti a creare l’Apartheid in Italia

Published

on

sistema di apartheid in Italia
Ci risiamo. L’ennesimo decreto legge. L’ennesimo parto di menti malate che scontrandosi definitivamente e inevitabilmente con la realtà, non potendo più giustificare la colossale stronzata della bontà protettiva dei vaccini e dei vaccinati, anche con tre dosi, non hanno trovato di meglio che trovare il solito capro espiatorio: i non vaccinati. Ed eccolo pronto, su un piatto d’argento, l’ennesimo divieto, quello dell’utilizzo dei mezzi pubblici, bus metro, tram… Questa non è più una emergenza sanitaria. Questa è una vera e propria discriminazione, una VERA E PROPRIA APARTHEID.
Frutto di casualità o di diaboliche strategie psicologico-sociali da parte di questi “signori”? Vediamo insieme quanto c’è di scientificamente occulto in queste manovre, SCOPERCHIAMO INSIEME IL VASO DI PANDORA.
(BY Morpheus)

Avrete notato sulla vostra pelle, come lo scrivente d’altronde, che le azioni punitive e restrittive da parte di questo governo di cialtroni si siano sviluppate e articolate via via in maniera sempre più oppressiva e stringente.

Ebbene dovete sapere che questo modus di agire non è casuale, ma ubbidisce a un principio scientifico chiamato DELLA RANA BOLLITA.
Nel 1882 il batteriologo William Sedgwick Presidente della American Public Health Association fece un curioso esperimento; fece notare che ponendo una rana all’interno di un contenitore di acqua molto calda spingeva, come ovvio, la rana a reagire prontamente al calore, di conseguenza a saltare fuori dal contenitore.

Ma se si aumentava molto gradualmente e costantemente la temperatura di una quantità minima (0,002 gradi centigradi, cioè due millesimi di grado al secondo) la rana non percepiva le variazioni di temperatura, e finiva, in circa tre ore, inevitabilmente per morire bollita. In pratica è ciò che hanno fatto con i nostri diritti costituzionali. Hanno cominciato a negarli alla popolazione pian piano, non facendo così percepire l’infame disegno celato, fin quando però rischieremo di fare la stessa fine della rana, in questo caso perderli tutti.

Il principio della rana bollita non è il solo strumento psicologico sociale di cui si sono serviti; un altro di essi sono le FINESTRE DI OVERTON.

Joseph Overton era un giovane ricercatore e vice Presidente del centro studi statunitense Mackinac Center for Public Policy negli anni 90, successivamente morto all’età di 43 anni per un incidente aereo con il suo ultraleggero.

Orbene egli era sempre stato interessato ai metodi di gestione sociale, interessi che lo portarono a elaborare uno spazio concettuale graduato in sei fasi per descrivere lo spostamento dell’atteggiamento dell’opinione pubblica rispetto a una qualsiasi idea.
In poche parole egli riuscì a spiegare, scientificamente, uno dei modi in cui si svolge LA PERSUASIONE DELLE MASSE.
La prima finestra o il primo stadio che dir si voglia, è quella in cui si presenta una idea che è rifiutata categoricamente dalla nostra mente. Nel nostro contesto, la violazione di diritti costituzionali.
Quanti di noi, se gli avessero imposto, in assenza di pandemia, di non uscire di casa, oppure di non prendere un mezzo pubblico, avrebbero reagito citando tanto di articoli della Costituzione, respingendo con vigore tale follia?

Il trucco dei nostri governanti è stato solo di applicare strategicamente tutti quei processi per traslare questa idea dalla prima alla successiva finestra.

In nome della sicurezza sanitaria, della salvaguardia della salute pubblica, di cui oggi sappiamo benissimo non gliene importa nulla, utilizzando figure sociali di rilevanza politica (leggasi i nostri squallidi rappresentanti governativi), di rilevanza scientifica ( leggasi virologi poi diventati vere e proprie macchiette mediatiche), di rilevanza informativa(leggasi giornalisti totalmente asserviti al regime) hanno introdotto il pensiero che gli articoli della Costituzione sono sì un caposaldo ma che possono però esserci eccezioni. L’eccezione in questo caso è un evento avverso esterno, cioè la pandemia. Quindi il pensiero inaccettabile (superare i diritti costituzionali) diventa RADICALE, cioè ancora inaccettabile ma con le dovute eccezioni.

Dalla seconda finestra di Overton si passa alla terza. La dissonanza cognitiva che produce l’idea di non rispettare in termini assoluti i diritti costituzionali viene quindi superata, viene superato il tabù che una simile idea può creare nella mente di un popolo democratico: l’idea di trasgredire tali sacrosanti articoli COMINCIA A CIRCOLARE SENZA OSTACOLI COGNITIVI.

Passata la terza finestra, il prosequio è un gioco da ragazzi. L’idea, originariamente impensabile, diventa RAGIONEVOLE, cioè se ne può discutere, non viene più quindi rifiutata cognitivamente a priori. È la quarta finestra.

Se è possibile parlarne sarà fonte di discussione e confronto, ci saranno gruppi a favore ( per esempio coloro che vogliono il vaccino obbligatorio, che per legge non lo è, o limitare diritti o spostamenti di chi non è vaccinato) e gruppi contrari (coloro che vogliono, giustamente diremmo noi, mantenere le cose come stanno). L’argomento tabù è diventato DIFFUSO, di scontro politico. Siamo alla quinta finestra.

Nella sesta finestra, a seconda di quale pensiero abbia prevalso, ci troviamo di fronte alla LEGALIZZAZIONE DEL PENSIERO. Nel nostro esempio l’aver discriminato gruppi di cittadini rispetto ad altri, riceve la sua giustificazione legale attraverso un Decreto Legge.

Così sono nati i fascismi, i nazismi, i comunismi, tutti gli ismi della storia. Le persone che storcevano la bocca inorriditi dalle brutalità di altri esseri umani oggi sono pronti a ripeterne le gesta, ghettizzando, umiliando, minimizzando altri. Mostri? Delinquenti? Corrotti?

L’esperimento di Stanley Milgram

Per rispondere a questa domanda occorre parlare di un altro studioso e di un suo esperimento che ha provocato, e continua a provocare molti turbamenti: Stanley Milgram. Egli iniziò i suoi esperimenti tre mesi dopo l’inizio del processo ad Adolf Eichmann, nel 1962.

Tale gerarca nazista fu considerato uno dei più feroci e sanguinari criminali della seconda guerra mondiale.
Alla fine della seconda guerra mondiale, molti di tali gerarchi, a seguito di processi a loro carico, di cui quello di Norimberga è stato il più famoso, utilizzarono come giustificazione delle loro atrocità la scusa dell’obbedienza agli ordini. Ebbene l’esperimento di Milgram era teso a svelare proprio tale arcano: questi criminali, così come tante persone normali che avevano partecipato alla crescita e allo sviluppo del nazismo e delle sue atrocità, avevano semplicemente ubbidito agli ordini o c’era dell’altro?
Milgram attraverso un annuncio su un giornale cittadino, promise 4 dollari l’ora a chi si fosse presentato presso la sua università per uno studio SULLA MEMORIA.
Egli selezionò, tra i partecipanti, 1000 soggetti, sia uomini che donne, di stabile equilibrio mentale, di diverse classi sociali, sia di etnia bianca che orientale che di colore.

Ogni soggetto, che agiva singolarmente, aveva il ruolo d’insegnante e doveva, coperto da un vetro, e quindi invisibile, proporre di volta in volta una serie di parole, a un allievo (in realtà un attore), il quale successivamente le doveva ripetere correttamente. L’allievo era legato con i polsi a una sedia, e a essi erano collegati degli elettrodi, a sua volta collegati a un dispositivo gestito dal partecipante (insegnante) il cui voltaggio andava da 40 volt (scossa minima) a 450 (scossa massima e quindi morte). Se la ripetizione della serie di parole dell’insegnante era sbagliata egli doveva punire l’allievo con una scossa. Nell’esercitare tali punizioni l’insegnante era coadiuvato dallo stesso Milgram, che assumeva il ruolo di autorità e di controllo del corretto operato delle sue direttive all’insegnante stesso.

Durante le punizioni, l’allievo-attore per rendere ancor più credibile la situazione insultava, o pregava l’insegnante, il quale nel dare le punizioni, riceveva continui input da Milgram con frasi come “continui pure” oppure “l’esperimento richiede che lei proceda”.

L’esperimento di Milgram era osservare e valutare fino a che punto le 1000 persone dell’esperimento avrebbero rispettato e quindi assecondato gli ordini impartiti da un autorità (Milgram), nonostante stessero provocando a una persona inerme e legata atroci supplizi e quindi la morte. Orbene, nonostante cenni di nervosismo, balbettio in alcuni casi, ben il 65% dei 1000 soggetti portò le punizioni fino al raggiungimento dei 450 volt e quindi della morte dell’allievo. E queste persone non erano pazzi, o criminali, o sadici. Erano persone normali.

Milgram AVEVA SCOPERTO CHE VI È NELLE PERSONE ADULTE E ORDINARIE LA VOLONTÀ DI ARRIVARE ALL’ESTREMO GRADO DI OBBEDIENZA A UNA AUTORITÀ, A PRESCINDERE DAL PROPRIO LIVELLO DI GIUDIZIO MORALE, DAL PROPRIO TIPO DI PERSONA.
I partecipanti-insegnanti si sentono responsabili verso l’autorità MA NON SI SENTONO RESPONSABILI DEL CONTENUTO DELLE AZIONI PRESCRITTE DALL’ AUTORITÀ.



Salve, sono Roberto Di Molfetta, Fondatore e Amministratore di questo blog, NuovOrdineMondiale.it.

Classe 1974, Web Marketing Specialist, Scrittore, Laureato in Comunicazione alla Sapienza di Roma.
Appassionato della Bellezza, d’Arte, Cinema e Musica.

Il mio Portale tratta temi legati al Potere Occulto globale, che sempre più controlla e determina le nostre esistenze.

Mi accompagna in questa avventura di svelamento delle verità segrete, l'intervento del mio ottimo amico Morpheus e la penna di Giuseppe Balena, uno scrittore di controinformazione, sito www.giuseppebalena.it.

Potete acquistare tutti i miei libri di Controinformazione su Amazon, indirizzo
https://amzn.to/3Ju3kNA

Se volete saperne di più su di me, vi invito a visitare la
Pagina della mia Biografia.

Se volete conoscere tutto su di me
Foto, biografia, genitori, video, poesie, musica, aforismi
Andate al mio Sito Web personale:
www.robertodimolfetta.it

morpheus
Condividi l'Articolo

Sociologo, statistico, amante dell'arte, del cinema, della letteratura e delle filosofie orientali, da molti anni si occupa di ricerche e studi sulla controinformazione e sulla crescita del benessere interiore.

Advertisement Nuovo Ordine Mondiale - Libri

Il fondatore del Progetto



Salve, sono Roberto Di Molfetta, Fondatore e Amministratore di questo blog, NuovOrdineMondiale.it.

Classe 1974, Web Marketing Specialist, Scrittore, Laureato in Comunicazione alla Sapienza di Roma.
Appassionato della Bellezza, d’Arte, Cinema e Musica.

Il mio Portale tratta temi legati al Potere Occulto globale, che sempre più controlla e determina le nostre esistenze.

Mi accompagna in questa avventura di svelamento delle verità segrete, l'intervento del mio ottimo amico Morpheus e la penna di Giuseppe Balena, uno scrittore di controinformazione, sito www.giuseppebalena.it.

Potete acquistare tutti i miei libri di Controinformazione su Amazon, indirizzo https://amzn.to/3Ju3kNA

Se volete saperne di più su di me, vi invito a visitare la Pagina della mia Biografia.

Categorie

ACQUISTA ORA

ACQUISTA ORA

ACQUISTA ORA

ACQUISTA ORA

ACQUISTA ORA

Rimani aggiornato

Link Amici

Pagina Facebook